Donna cadavere nello spot degli strofinacci – inno al femminicidio

LASCIO A VOI CONSIDERARE QUESTA ”CAMPAGNA PUBBLICITARIA”

commissionata da una ditta di casoria, nel napoletano

Donna cadavere nello spot degli strofinacci

Esplode la polemica: inno al femminicidio

L’azienda si difende dalle accuse delle parlamentari Pd e Sel
che scrivono alla Boldrini: «Tempesta in un bicchier d’acqua»


image001

Lo spot con l’uomo «assassino»

NAPOLI – Lui mostra uno strofinaccio fucsia, lei giace morta sul letto. Il claim a caratteri cubitali: «Elimina tutte le tracce». È lo spot commissionato dall’azienda Clendy di Casoria che ha fatto gridare all’«inneggiamento al femminicidio» alcune parlamentari di centrosinistra. Che hanno investito della questione addirittura il presidente della Camera Laura Boldrini. MaStefano Antonelli, consulente marketing dell’azienda, respinge con decisione le accuse al mittente: «Siamo dinanzi alla classica tempesta in un bicchiere d’acqua. C’è stata una lettura distorta del messaggio. Certo è che non c’è alcuna ispirazione al femminicidio: chi lo afferma lo fa in maniera davvero impropria».

image002 (1)

La seconda versione dello spot con la donna «assassina»

«IRONIA» – «La ditta – spiega – voleva far leva sull’ironia del
messaggio: sul manifesto si vantano le doti del nuovo prodotto che, assicura, “ammazza” lo sporco. Ci dispiace che ci sia stato questo clamore mediatico – aggiunge Antonelli – è semplicemente un messaggio pubblicitario, come tanti altri, che serve a richiamare l’attenzione. Nessun intento offensivo verso le donne, come dimostra anche la doppia versione del manifesto
(con il cadavere di un uomo e l’«assassina» con lo strofinaccio, ndr). Anzi da ieri sera siamo noi ad essere oggetto di messaggi offensivi».

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in DONNE, VIOLENZA DI GENERE e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Donna cadavere nello spot degli strofinacci – inno al femminicidio

  1. Stefania ha detto:

    Spot negativo in ogni caso, e la doppia versione, con la donna “assassina”, non migliora le cose, anche perchè nella realtà, sono gli uomini, nella stragrande maggioranza dei casi, ad uccidere le donne (in particolare mogli, fidanzate, partner ed ex) e non viceversa.
    E con tutte le menti deboli e non equilibrate – quindi influenzabili – che ci sono in giro, ammettendo anche la buona fede dell’azienda, in questi tempi di femminicidio, certi spot non si dovrebbero proprio fare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...